Che cos'è il legittimo interesse?

17 ottobre 2018Ultimo aggiornamento 13 novembre 2019
Tempo di lettura stimato: 1'
Con l'entrata in vigore del nuovo Regolamento Europeo sulla privacy prende quota il concetto di legittimo interesse del titolare. Di cosa si tratta?

Nel trattare dati personali un'organizzazione deve sempre prima valutare la leicità del trattamento con riferimento alle basi giuridiche previste dal GDPR (in particolare dall'articolo 6). Tuttavia il trattamento potrà essere considerato lecito e quindi possibile anche quando in assenza del consenso dell’interessato o di altre basi giuridiche sia comunque presente un legittimo interesse del titolare e vi sia un bilanciamento tra diritti del titolare e dell'interessato. 

Nel considerando n. 47 del General Data Protection Regulation si affronta proprio questo tema e i possibili requisiti per poter agire in tal senso. Pensiamo, per esempio, a quando l'interessato è un cliente o è alle dipendenze del titolare del trattamento o ai casi di videosorveglianza per la prevenzione dei furti e di gestione della sicurezza sul lavoro. Chiaramente non si tratta di un'autorizzazione generalizzata al trattamento dei dati: deve sempre esserci una precisa valutazione per verificare se i diritti dell'interessato possano prevalere sui legittimi interessi del titolare.

Con la normativa precedente sulla privacy il bilanciamento tra i diritti delle parti era demandato all'autorità garante e questo ne aveva fortemente limitato l'uso. Nel Regolamento Europeo 16/679, invece, grazie alla logica di accountability la possibilità di scegliere di trattare i dati di un interessato basandosi sul legittimo interesse si amplia leggermente.

Il Titolare prima di iniziare qualsiasi trattamento dei dati sulla base dei legittimi interessi dovrà non solo valutare se ha correttamente preso in considerazione tutti i rischi, ma anche raccogliere (e documentare, vedi il registro dei trattamenti) elementi sufficienti per essere in grado di dimostrare che gli interessi relativi sono stati correttamente bilanciati tra loro.

RIPRODUZIONE RISERVATA. Ne è consentito un uso parziale, previa citazione della fonte.

Biografia dell'autore

Andrea Chiozzi è nato a Reggio Emilia il 4 Agosto del 1969, reggiano “testaquadra” DOC come il lambrusco, ed è sposato con Luisa che lo sopporta da più di vent’anni.
Imprenditore e consulente, da più di 12 anni è l’Evangelist del GDPR.

Attività professionali:
Andrea Chiozzi è socio fondatore e CEO di PRIVACYLAB SRL, azienda che si occupa della produzione di PRIVACYLAB GDPR per la gestione avanzata delle attività legate alla compliance per il Regolamento Europeo 679/2016.
Esperto di GDPR e protezione dei dati personali (soprattutto nelle aree più problematiche quali il marketing digitale e i social network, il digital advertising, l’Internet of Things, i Big Data, il cloud computing),
Andrea presta consulenza per la media e la grande industria italiana e si occupa di organizzare e condurre i consulenti aziendali ad un approccio ottimizzato alla gestione della Compliance GDPR.
È ideatore del sistema Privacylab e della metodologia applicata ai consulenti certificati GDPR. 
Nel 2003 dà vita alla figura di “Privacy Evangelist” e comincia a girare l’Italia come relatore in vari convegni e corsi in tema di protezione dei dati personali arrivando a evangelizzare più di 10.000 persone.

È commissario d’esame per:

UNICERT per lo schema DSC_12/30 per Consulenti Certificati GDPR
TÜV dello schema CDP_ 201 Privacy Officer, Bureau Veritas
CEPAS Bureau Veritas DATA PROTECTION OFFICER per lo schema SCH73 norma Uni 11697:2017 (Accredia) 
ACS ITALIA DATA PROTECTION OFFICER per lo schema SCH01 norma Uni 11697:2017 (Accredia)
UNIVERSAL Gmbh DAKKS per lo schema ISO/IEC 17024:2012 "DATA PROTECTION OFFICER"

E' certificato con:
Unicert come "Consulente Certificato GDPR" n. 18203RE22
TÜV come “Privacy Officer e Consulente Privacy” n. CDP_196.
Cepas Bureau Veritas "Data protection Officer" n. DPO0206
UNICERT DAKKS " Data Protection Officer" n. DPO 0818 010012

Fa parte del Comitato Scientifico Privacy di Torino Wireless, GDPR Academy e di Agile DPO .

Le categorie

Gli argomenti dei nostri articoli

La guida di PrivacyLab

Per orientarti tra i nostri articoli

Resta informato su quello che succede.

Lasciaci la tua email e riceverai le nostre comunicazioni informative e commerciali

informativa sulla privacy